Corte costituzionale tra diritti e doveri in tempi di crisi economica e di rischi per la sicurezza - Direttore: Prof. Francesco Dal Canto


    Descrizione del progetto

    Attraverso la disamina delle pronunce della Corte Costituzionale, la ricerca si è proposta di verificare come, a causa della crisi economica imperversante, siano mutati riconoscimento e consistenza dei diritti fondamentali e dei doveri inderogabili di solidarietà. L’accresciuta importanza – anche costituzionale – del principio di equilibrio di bilancio e delle compatibilità economiche delle scelte sociali, insieme con l’emersione del tema della sicurezza collettiva, ha imposto una riconsiderazione della effettività dei diritti individuali dei consociati. Benché tali temi siano stati in passato analizzati dalla dottrina, poca attenzione è stata dedicata all’esame della giurisprudenza costituzionale e agli effetti che i suddetti fenomeni hanno determinato sulla dottrina della Corte e sugli schemi processuali utilizzati nel suo giudizio.

     

    Decorrenza

    9 marzo 2015 – 8 marzo 2016

     

    Finanziamento

    Il progetto è stato finanziato dall’Ateneo per un importo lordo di euro 38.000.

     

    Membri dell’unità di ricerca

    Francesco Dal Canto – Dipartimento di Giurisprudenza, Università di Pisa, responsabile

    Gian Luca Conti – Dipartimento di Giurisprudenza, Università di Pisa

    Pierluigi Consorti – Dipartimento di Giurisprudenza, Università di Pisa

    Gianluca Famiglietti – Dipartimento di Giurisprudenza, Università di Pisa

    Ilaria Lolli – Dipartimento di Giurisprudenza, Università di Pisa

    Pietro Milazzo – Dipartimento di Giurisprudenza, Università di Pisa

    Saulle Panizza – Dipartimento di Scienze Politiche, Università di Pisa

    Andrea Pertici – Dipartimento di Giurisprudenza, Università di Pisa

    Angioletta Sperti – Dipartimento di Giurisprudenza, Università di Pisa

     

    Risultati conseguiti

    L’esito dei lavori è stato presentato in un incontro di studi svoltosi a Pisa il 17 marzo 2016, sul tema “Libertà di espressione e libertà religiosa in tempi di crisi economica e di rischi per la sicurezza”. Sono  seguite due pubblicazioni dal titolo: “Le prospettive della liberta di espressione e libertà religiosa” e “La crisi del Parlamento nelle regole sulla sua percezione”, in cui sono state più ampiamente esposte le riflessioni del gruppo di ricerca.