Test di valutazione per le matricole


    A.A. 2020/2021

    Il test di valutazione per i corsi di Giurisprudenza e Diritto dell’impresa, del lavoro e della pubblica amministrazione  si svolgerà nel mese di settembre in collaborazione con il Consorzio CISIA attraverso i TOLC-SU. In particolare, il test verrà effettuato da remoto secondo le modalità del TOLC@CASA.

    N.B. E’ possibile sostenere il test TOLC-SU presso una sede universitaria diversa da Pisa, il risultato è considerato valido per l’immatricolazione in questa sede.

    Le informazioni specifiche sull’iscrizione e sulle modalità del test si trovano nel sito del CISIA alla pagina https://www.cisiaonline.it/area-tematica-tolc-cisia/come-iscriversi-al-tolc/iscriversi-al-tolccasa/

    Per sostenere un TOLC@CASA:

    Per sostenere il test è previsto il pagamento di un contributo di 30 euro da pagare con carta di credito o bollettino bancario (MAV).

    Consulta le FAQ sulle domande più ricorrenti: https://www.cisiaonline.it/faq-tolccasa-rispondiamo-alle-vostre-domande/

    Il punteggio minimo per superare il test è 25, con riferimento alle risposte nelle tre seguenti aree: COMPRENSIONE DEL TESTO E CONOSCENZA DELLA LINGUA, CONOSCENZE E COMPETENZE ACQUISITE NEGLI STUDI, RAGIONAMENTO LOGICO. Non concorre all’esito il punteggio conseguito nell’area relativa all’Inglese.

    Conseguenze didattiche derivanti dal non superamento della prova
    Laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza
    In caso di esito negativo, lo studente dovrà sostenere, al primo tra i due esami che decida di affrontare tra Diritto privato I e Diritto costituzionale I, un colloquio integrativo su uno a scelta dei testi di seguito indicati:
    P. Grossi, Prima lezione di diritto, Laterza, 2011
    G. Zagrebelsky, Imparare democrazia, Torino, Einaudi, 2007 (rist. 2011)
    S. Rodotà, Diritti e libertà nella storia d’Italia. Conquiste e conflitti 1861-2011, Roma, Donzelli, 2011

    Laurea triennale in Diritto dell’impresa, del lavoro e delle Pubbliche Amministrazioni
    In caso di esito negativo, lo studente dovrà sostenere, al primo tra i due esami che decida di affrontare tra Istituzioni di Diritto privato e  Diritto costituzionale, un colloquio integrativo su uno a scelta dei testi di seguito indicati:
    P. Grossi, Prima lezione di diritto, Laterza, 2011
    G. Zagrebelsky, Imparare democrazia, Torino, Einaudi, 2007 (rist. 2011)
    S. Rodotà, Diritti e libertà nella storia d’Italia. Conquiste e conflitti 1861-2011, Roma, Donzelli, 2011

    Requisiti di ammissione Laurea a ciclo unico in Giurisprudenza (LMG):

    Oltre al possesso di un diploma di scuola secondaria superiore, o altro titolo di studio conseguito all’estero e riconosciuto idoneo, per l’ammissione al Corso è richiesto il possesso o l’acquisizione di una buona formazione di cultura generale nel settore umanistico, linguistico e dell’educazione civica. L’accertamento dell’effettiva sussistenza delle conoscenze di cultura generale viene operato mediante prova non selettiva, consistente in un test organizzato in collaborazione con il Consorzio interuniversitario CISIA e denominato TOLC-SU (Scienze umane), articolato in 50 quesiti a risposta multipla, suddivisi in 3 sezioni: Comprensione del testo e conoscenza della lingua italiana, Conoscenze e competenze acquisite negli studi, Ragionamento logico. La suddetta prova non selettiva, non ripetibile, viene effettuata due volte l’anno, prima dell’inizio dei semestri di lezione, per rivolgersi anche agli studenti che si iscrivono entro il 31 dicembre, dopo la scadenza regolare dei termini. In caso di esito negativo, lo studente dovrà svolgere in via preventiva un colloquio integrativo separato, in occasione di uno dei seguenti esami: Diritto costituzionale I o Diritto privato I. Il colloquio integrativo verte sulla conoscenza dei contenuti di uno, a scelta del candidato, dei testi che verranno di anno in anno indicati dal corso di laurea nell’informativa pubblicata nel sito di Dipartimento, nella pagina dedicata al Test d’ingresso http://web.jus.unipi.it/pagina-2/test-di-valutazione-per-le-matricole/, nella quale verrà indicato anche il punteggio minimo di idoneità della prova. Qualora non superi il colloquio integrativo, lo studente gravato da OFA, finché non li abbia soddisfatti, non potrà sostenere esami del II e III anno.

    Requisiti di ammissione Laurea triennale in Diritto dell’impresa, del lavoro e delle Pubbliche Amministrazioni (DILPA):

    Oltre al possesso di un diploma di scuola secondaria superiore, o altro titolo di studio conseguito all’estero e riconosciuto idoneo, per l’ammissione al Corso è richiesto il possesso o l’acquisizione di una buona formazione di cultura generale nel settore umanistico, linguistico e dell’educazione civica. L’accertamento dell’effettiva sussistenza delle conoscenze di cultura generale viene operato mediante prova non selettiva, consistente in un test organizzato in collaborazione con il Consorzio interuniversitario CISIA e denominato TOLC-SU (Scienze umane), articolato in 50 quesiti a risposta multipla, suddivisi in 3 sezioni: Comprensione del testo e conoscenza della lingua italiana, Conoscenze e competenze acquisite negli studi, Ragionamento logico. La suddetta prova non selettiva, non ripetibile, viene effettuata due volte l’anno, prima dell’inizio dei semestri di lezione, per rivolgersi anche agli studenti che si iscrivono entro il 31 dicembre, dopo la scadenza regolare dei termini. In caso di esito negativo, gli studenti che non abbiano superato il test autovalutativo e siano perciò gravati da OFA, non potranno essere ammessi a sostenere gli esami del secondo e terzo anno fino quando le carenze verificate in ingresso non risulteranno colmate a seguito di colloquio integrativo da svolgersi in occasione di uno dei seguenti esami: Diritto costituzionale o Istituzioni di Diritto privato I. Il colloquio integrativo verte sulla conoscenza dei contenuti di uno, a scelta del candidato, dei testi che verranno di anno in anno indicati dal corso di laurea nell’informativa pubblicata nel sito di Dipartimento, nella pagina dedicata al Test d’ingresso http://web.jus.unipi.it/pagina-2/test-di-valutazione-per-le-matricole/, nella quale verrà anche specificato il punteggio minimo di idoneità della prova.

     

     

    A.A. 2019/2020

    Test di valutazione per i corsi di Giurisprudenza e Diritto dell’impresa, del lavoro e della pubblica amministrazione

    Corsi per i quali è previsto il test
    Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza (LMG-01);
    Laurea triennale in Diritto dell’impresa, del lavoro e delle Pubbliche Amministrazioni (L-14).

    Devono sostenere il test di valutazione in ingresso tutti gli studenti che intendono immatricolarsi ad uno dei due corsi di laurea, compresi i vincitori dei concorsi di ammissione alla Scuola Superiore di Studi Universitari e Perfezionamento Sant’Anna.
    Sono esonerati dall’obbligo di sostenere il test: coloro che chiedano passaggi, trasferimenti o abbreviazioni di corso e risultino già iscritti o laureati, presso l’Università di Pisa o altro ateneo, in un corso di laurea triennale ex DM 509/99, ex DM 270/04 o in lauree e diplomi di ordinamenti precedenti.
    Il test consiste in una prova identica per i due corsi di laurea.
    Ciascuno studente è tenuto a effettuare una sola prova del test.
    Per iscriversi al test non è necessario essere già immatricolati al corso di laurea. L’immatricolazione può essere perfezionata anche successivamente alla partecipazione al test. Per gli studenti che si immatricolano prima della data del test è comunque obbligatoria l’iscrizione al test secondo le modalità sotto indicate.

    La seconda sessione è riservata a coloro che non hanno potuto iscriversi alla prima sessione.

    Data, ora e luogo della prova
    II SESSIONE: 11 febbraio 2020 alle ore 9,30 presso l’aula B1 di Palazzo Boileau (Via  Santa Maria, n. 85)

    Data scadenza iscrizione al test
    II SESSIONE: 1 febbraio 2020 ore 12,00

    Modalità di iscrizione
    Registrazione via web
    La registrazione consiste nell’inserire i dati anagrafici e personali che verranno di volta in volta richiesti.
    Seguire le istruzioni: al termine della procedura il sistema ti assegnerà una username e ti farà scegliere una password.
    Tieni a portata di mano il codice fiscale e un documento d’identità. Una volta inseriti i dati anagrafici il sistema calcolerà automaticamente il codice fiscale, controlla che sia corretto: se risulta sbagliato verifica di aver inserito correttamente luogo e data di nascita e gli altri dati.
    Se il sistema avverte che il tuo codice fiscale esiste già significa che ti eri già registrato e dovrai quindi recuperare nome utente e password.
    Il solo inserimento dei dati personali non è sufficiente per essere iscritti al concorso: bisognerà procedere poi cliccando dal  menu la voce “Segreteria” e poi “Iscrizione al test di valutazione”.
    Inizia la registrazione

    Iscrizione al test di valutazione
    Una volta registrati i propri dati personali, cliccare dal  menu la voce “Segreteria” e poi “Iscrizione test di valutazione” e quindi scegli il test relativo al corso di studi di interesse.
    Chi preferisca iscriversi al test in un secondo momento, successivo e diverso rispetto a quello della registrazione, dovrà comunque entrare nel sistema utilizzando username e password forniti al termine della registrazione.
    N.B.: la registrazione via web e l’iscrizione al test sono necessarie anche per chi è già immatricolato.

    Contributo iscrizione al test
    Per la partecipazione al Test è previsto il versamento di un contributo per oneri amministrativi dell’importo di 20 €, utilizzando esclusivamente il documento di pagamento personalizzato, stampabile al termine della procedura di iscrizione al test.
    Una volta effettuata l’iscrizione, puoi comunque stampare il documento di pagamento seguendo le seguenti istruzioni:
    – collegati a www.studenti.unipi.it, clicca su “Login” e inserisci nome utente
    e password forniti al termine della registrazione
    – seleziona dal menu la voce “Segreteria”e poi “Tasse”
    – clicca sull’icona corrispondente al concorso a cui ti sei iscritto

    Cosa occorre portare il giorno della prova
    E’ necessario presentarsi al test muniti:
    – di un documento valido di riconoscimento
    – della ricevuta del pagamento.

    Argomenti oggetto della prova
    La prova si articolerà in 40 domande a risposta multipla, delle quali:
    – 20 di natura attitudinale, relative alle capacità di ragionamento legate alla tipologia degli studi che lo studente dovrà affrontare nel corso della sua carriera (10 domande sulla capacità di analisi e di comprensione di testi in lingua italiana e 10 domande di  abilità logiche per valutare la capacità di problem solving)

    – 20 di conoscenze acquisite di cultura generale, con particolare riferimento alle aree storica, filosofica, economica e di educazione civica.

    Tempo di svolgimento della prova
    Il tempo previsto per il completamento del test è di 60 minuti.

    Conseguenze didattiche derivanti dall’esito della prova
    Laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza
    In caso di esito negativo, lo studente dovrà sostenere, al primo tra i due esami che decida di affrontare tra Diritto privato I e Diritto costituzionale I, un colloquio integrativo su uno a scelta dei testi di seguito indicati:
    P. Grossi, Prima lezione di diritto, Laterza, 2011
    G. Zagrebelsky, Imparare democrazia, Torino, Einaudi, 2007 (rist. 2011)
    S. Rodotà, Diritti e libertà nella storia d’Italia. Conquiste e conflitti 1861-2011, Roma, Donzelli, 2011

    Laurea triennale in Diritto dell’impresa, del lavoro e delle Pubbliche Amministrazioni
    In caso di esito negativo, lo studente dovrà sostenere, al primo tra i due esami che decida di affrontare tra Istituzioni di Diritto privato e  Diritto costituzionale, un colloquio integrativo su uno a scelta dei testi di seguito indicati:
    P. Grossi, Prima lezione di diritto, Laterza, 2011
    G. Zagrebelsky, Imparare democrazia, Torino, Einaudi, 2007 (rist. 2011)
    S. Rodotà, Diritti e libertà nella storia d’Italia. Conquiste e conflitti 1861-2011, Roma, Donzelli, 2011

    Nei mesi di ottobre e novembre 2019 sarà attivo un servizio di tutorato a supporto degli studenti che abbiano sostenuto la prova con esito negativo. Per maggiori informazioni rivolgersi all’Unità didattica del Dipartimento dopo l’inizio delle lezioni (16.09.2019).

    I risultati della prova saranno pubblicati nel sito http://web.jus.unipi.it/

    Scuola Superiore Sant’Anna
    I vincitori dei concorsi presso la Scuola superiore Sant’Anna non sono esonerati dal sostenimento del test di valutazione della Dipartimento di Giurisprudenza.