Italiano per il diritto


    Anno Accademico

    Docente: Bambi Federigo

    OBIETTIVI FORMATIVI

    Il corso, attraverso l’esame dello sviluppo storico della lingua del diritto e dei suoi aspetti teorici, vuole fornire le conoscenze adeguate ad un uso consapevole della lingua nei diversi registri e nelle diverse modalità del discorso giuridico.

    PREREQUISITI

    Nessuno

    METODI DIDATTICI

    Lezioni di didattica frontale: totale ore 24 (3cfu)

    MODALITÀ DI VERIFICA DELL’APPRENDIMENTO

    Esame di profitto: orale.

    PROGRAMMA

    Si adotterà un punto di vista particolare, quello della lingua come strumento di espressione del pensiero giuridico. Per superare un luogo comune: che la lingua del diritto sia sempre artificiosa, ridondante, arcaica, oscura, una vera antilingua come l’ha definita Italo Calvino. E invece no. Scorrendo le pagine di grandi giuristi, da Scialoja a Calamandrei, a Satta, non solo si scoprono una scelta lessicale, una sintassi, una piacevolezza di lettura che nulla hanno da invidiare a quelle di maestri della letteratura, ma anche l’idea che la proposizione giuridica – che pur non può rinunciare al lessico tecnico – per essere veramente tale deve essere chiara perché chiaro deve essere il pensiero giuridico (Scialoja): macché lingua del diritto necessariamente involuta e ampollosa! E tutti coloro che lavorano con le parole del diritto, o con una lingua tecnica, sarebbe forse il caso che tenessero bene a mente questo principio, liberando il loro scrivere (e il loro parlare) di appesantimenti e concrezioni vecchie di secoli: nel corso si cercherà di mostrare come, alternando lezioni storico-teoriche con esercitazioni su testi anche della pratica del diritto, e tenendo conto delle recenti novità legislative introdotte sul punto. Ecco i principali argomenti che saranno trattati: 1) tra latino e volgare: la nascita e lo sviluppo della lingua del diritto; 2) il confronto con altre lingue: il francese, il tedesco e – oggi – l’inglese; 3) la lingua della legge, la lingua della pratica del diritto, la lingua dell’amministrazione: come sono state, come sono e come dovrebbero essere.

    TESTI DI RIFERIMENTO

    Per gli studenti frequentanti:

    appunti delle lezioni e materiali che saranno distribuiti dal docente.

    Per gli studenti non frequentanti:

    Luca Serianni, Prima lezione di grammatica, Roma-Bari, Laterza, 2006, pp. 3-165

    L’italiano giuridico che cambia, a cura di Federigo Bambi e Barbara Pozzo, Firenze, Accademia della Crusca, 2012, pp. 3-247