Diritto pubblico dell'economia


    Anno Accademico

    Docente: Passalacqua Michela

    Programma del corso

    Il corso si propone di illustrare la gamma dei poteri pubblici incidenti sulle attività d’impresa – e più in generale –, sui mercati, in modo da consentire agli studenti di acquisire conoscenza degli strumenti, delle forme e delle discipline giuridiche applicabili all’intervento pubblico nell’economia, nell’ambito dei rinnovati rapporti tra Stato e mercato, anche alla luce del diritto europeo.
    Pertanto, si esamineranno i soggetti pubblici, costituenti l’organizzazione amministrativa posta a regolazione o a vigilanza dei mercati, con particolare riferimento alle Autorità amministrative indipendenti. In proposito, ci si soffermerà sul ruolo assunto dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato, sia con riferimento ai “tipici” poteri antitrust, sia in relazione ai poteri di regolazione dei mercati.
    Si analizzerà poi lo stato della legislazione chiamata a dare attuazione all’art. 41, comma 3, della Costituzione, sia dettando limiti all’iniziativa economica privata, per la tutela di preminenti interessi pubblici; sia attraverso programmi di aiuti pubblici alle attività produttive. Quest’ultima tematica consentirà di passare ad esaminare la disciplina giuridica della finanza pubblica, nei suoi rapporti con le regole europee (vincoli di Maastricht, patto di stabilità e crescita, Trattato sulla stabilità, sul coordinamento e sulla governance nell’Unione economica e monetaria-c.d. Fiscal compact).
    Infine, dopo aver ricostruito i caratteri dell’ordinamento sezionale dei servizi di pubblica utilità (nozione di servizio pubblico, evoluzione storica, classificazioni, forme di gestione dei servizi pubblici locali), una parte del corso verrà dedicata allo studio delle forme giuridiche attualmente assunte dall’impresa pubblica, a seguito dei processi di privatizzazione. Ci si soffermerà quindi a delineare il quadro delle norme applicabili alle società a partecipazione pubblica, evidenziandone gli stretti rapporti con l’esigenza di razionalizzazione e riduzione della spesa pubblica; il tema verrà svolto anche tenendo conto della distinzione tra società strumentali all’amministrazione e società preposte alla gestione dei servizi pubblici.

    Testo consigliato per la preparazione dell’esame

    a) per studenti non frequentanti triennali, quinquennali (Laurea specialistica o Laurea magistrale):

    Mauro Giusti, Fondamenti di diritto pubblico  dell’economia, terza edizione, Padova, Cedam, 2013 (per intero, ad esclusione del Cap. III, Disciplina e sorveglianza delle attività produttive e dei paragrafi da 9 a 12 del Cap. IV su Pubblici ausili e sostegni alle attività produttive; inoltre, chi abbia già sostenuto l’esame di Diritto bancario può omettere tutto il Cap. VI relativo ai mercati finanziari)

    b) per studenti frequentanti triennali, quinquennali (Laurea specialistica o Laurea magistrale):

    A scelta dello studente, la preparazione dell’esame potrà svolgersi sul testo sopra indicato, oppure unicamente sugli appunti delle lezioni. Quale modalità di verifica dell’apprendimento, è previsto lo svolgimento di esercitazioni, oltre ad una tesina, da svolgersi a metà del corso, valutata quale prova scritta intermedia.

    Propedeuticità consigliate per la laurea magistrale: nessuna