Diritto dell'impresa agraria


    Anno Accademico

    Docente: Goldoni Marco

    Il corso si propone di fornire agli studenti la conoscenza degli strumenti giuridici che connotano lo
    svolgimento dell’attività agricola finalizzata alla produzione di beni destinati all’alimentazione e non, e di
    introdurre il tema dei limiti e delle opportunità che caratterizzano l’impresa agraria in ragione del peculiare
    rapporto fra le attività agricole e le risorse del territorio.
    L’evoluzione conosciuta dalla materia e il mutamento dei principali conflitti d’interesse (da quelli legati
    all’uso del bene fondiario a quelli caratterizzanti lo svolgimento di un’attività economica che assolve a
    compiti di rilevante interesse per la comunità ed i consumatori di prodotti alimentari) rende necessario
    considerare, accanto al tradizionale raccordo impresa-proprietà, le relazioni impresa-mercato, impresaambiente,impresa-sistema agroalimentare.

    Programma del Corso

    – L’ agricoltura nella Costituzione
    – La distribuzione di competenze fra Stato e Regioni
    – Il diritto agrario comunitario e la politica agricola comunitaria
    – Impresa agraria e sistema agroalimentare
    – Impresa agraria, territorio, ambiente
    – L’impresa agraria e l’azienda
    – Le attività agricole
    – Le tipologie di imprenditore agricolo
    – Formazione dell’impresa agraria
    – Contratti agrari
    – Contratti agroindustriali

    Testi consigliati
    LUIGI COSTATO, Corso di diritto agrario italiano e comunitario, Giuffrè, Milano, ultima edizione.
    Attualmente l’ultima edizione è la terza, del 2008. E’ comunque in preparazione la quarta edizione.Qualora
    nel corso dell’anno non fosse disponibile saranno distribuiti i necessari aggiornamenti.
    Non rientrano nel programma d’esame i capitoli 1, 4, 5, 7, 8 e alcuni paragrafi dei capitoli 2, 3, 6, 10, 11. In
    definitiva le pagine del Corso che si riferiscono al programma sono: da 23 a 151; da 163 a 168; da 237 a
    250; da 323 a 424; da 439 a 508.

    PROPEDEUTICITA’
    Diritto privato
    Per gli studenti della Laurea magistrale la propedeuticità consigliata è: Diritto privato II