Esami di profitto in presenza


Leggi i provvedimenti di interesse universitario e le disposizioni nazionali e regionali.

In vista della possibilità di svolgere, a partire dal 1° settembre 2020, gli esami di profitto “in presenza”, si ricorda che è comunque obbligatorio garantire anche la possibilità di sostenere i medesimi esami “a distanza” agli studenti con disabilità che ne facciano semplice richiesta e agli studenti che presentino certificazione medica attestante la “fragilità” propria o di membri del proprio nucleo familiare convivente, oppure una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, ai sensi dell’art. 47 DPR n. 445/2000 (il cui fac-simile è già disponibile qui in formato .docx e in formato .pdf), attestante l’impossibilità di raggiungere la sede per motivi legati all’emergenza epidemiologica, cioè in caso di situazioni che vietino o, anche di fatto, rendano difficoltoso viaggiare come, in via esemplificativa, residenza o domicilio fuori regione o esposizione a rischio biologico per l’utilizzo di mezzi pubblici.

Lo studente che voglia avvalersi della possibilità di effettuare la prova da remoto, deve caricare, all’atto dell’iscrizione, un collegamento alla documentazione richiesta come indicato nelle istruzioni pubblicate a questo indirizzo.

Si ricorda altresì che gli esami “in presenza”, sia scritti sia orali, devono svolgersi nel rispetto del Protocollo anti-contagio per la Fase 3, pubblicato su questa pagina.